Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 10 dicembre 2022 ..:: 45a stagione » sch4516 ::..   Login
Locandina del film
Trailer del film
Links del film
Scheda pdf (168 KB)
Rec - Scheda del film

 

cineforum45.jpg


in collaborazione con:


CINEMA SOCIALE – S.O.M.S. Società Operaia di Mutuo Soccorso Omegna

PIEMONTE AL CINEMA – IL CINEMA DIFFUSO
Promosso da Regione Piemonte, AIACE, AGIS


Giovedì 12 febbraio 2009 – Scheda n. 16 (774)

 

REC

 

Regia: Jaume Balagueró, Paco Plaza.

 

Titolo originale: Rec.

 

Sceneggiatura: Jaume Balagueró, Paco Plaza, Luiso Berdejo.

Fotografia: Pablo Rosso. Montaggio: David Gallart. Musica: Carlos Ann.

Interpreti: Manuela Velasco (Ángela), Ferran Terraza, (Manu),

Jorge Serrano (Sergio), Pablo Rosso (Marcos),

David Vert (Álex), Carlos Vicente (Guillem),

Martha Carbonell (signora Izquierdo), María Teresa Ortega (nonna),

Manuel Bronchud (nonno), Vicente Gil (poliziotto).

Produzione: Julio Fernandez, Carlos Fernandez, Alberto Marini per Filmax.

Distribuzione: Mediafilm. Durata: 85’. Origine: Spagna, 2007.

 

 

Jaume Balagueró & Paco Plaza

 

Una coppia di registi spagnoli, entrambi astri più che emergenti del genere fantastico+thriller+horror. Jaume Balagueró (Leida, 1968) diventa famoso già con il suo primo film, Entità nascosta (1999) e la fama aumenta (sempre nel circolo degli appassionati) con Darkness (2002). Terzo film: Fragile (2005), presentato a Venezia, così come vengono visti alla Mostra lagunare Para entrar a vivir (2006) e questo REC. Paco Plaza (Valencia, 1973) esordisce con El segundo nombre (2002), premiato con il Méliès d’argento a Sitges che è il massimo festival mondiale del cinema fantastico. I delitti della luna piena (2003) è il suo secondo film. Il terzo è Cuento de Navidad (Racconto di Natale, 2006) e fa parte della serie Películas para no dormir, serie nella quale è compreso anche REC.

Questo l’avvertimento dato dai registi allo spettatore: «Vorrai chiudere gli occhi. Fermare quello che sta succedendo. Ma non puoi. Perché ne sei parte. Corri... Scappa... Sopravvivi... Ma non smettere mai di registrare...». Sentiamo ancora i registi: «Abbiamo discusso molto sui meccanismi della paura, quello che funziona e quello che non funziona, quello che piace e quello che non piace. Improvvisamente ci è venuto in mente di adattare il genere horror alla narrativa televisiva: una storia di orrore raccontata in diretta e in tempo reale, partendo da una prospettiva di una sola telecamera immersa nell’azione, come se si trattasse di un falso reportage. Questa tecnica permette allo spettatore di vivere la paura in una forma più diretta, come se facesse parte del film... Anche noi proviamo paura. Ci fanno paura cose molto quotidiane e reali. Una delle cose che più ci atterrisce è la violenza. Soprattutto la violenza fuori contesto. Un litigio in un bar la mattina, qualcuno che protesta perché il caffè è freddo e fa salire il tono... REC è stata un’esperienza totalmente diversa. In questo film si trattava di realizzare il falso reportage che la giornalista ed il suo assistente dovevano fare, disegnare la falsa realtà nella quale i protagonisti sarebbero stati immersi... Una delle maggiori difficoltà del progetto è stata conservare l’apparenza realista e diretta, ma senza rinunciare alla narrazione e all’aspetto visivo del film. Il linguaggio è quello della televisione, del reportage, è quello che richiedeva la storia che stavamo raccontando, il modo in cui la volevamo raccontare... Più che una critica alla tv spazzatura e ai reality show credo che si tratti di un film di riflessione sul mezzo televisivo, su come la tv fagocita e reinventa la realtà, sui suoi limiti etici e morali. E tutto questo inserito in una esperienza del terrore totale, fatta per intrattenere...».

 

La critica

 

Gli zombi del 2000? I media. Prima fra tutti la televisione che cannibalizza la realtà, la manipola, la rende finzione e viceversa, come un virus che si diffonde incontrastato, come un incubo senza fine. Un vero film horror, insomma. È REC, infatti, la prima sorpresa ‘da paura’ che ieri ha inaugurato fuori concorso la sezione Venezia notte, ospitando questo horror spagnolo firmato in coppia da due giovani autori culto per gli appassionati del genere: Jaume Balaguerò, già noto al pubblico della Mostra per i precedenti Fragile e Para entrar a vivir, e Paco Plaza anche lui molto amato e premiato in patria. Giocato da subito sull’ambiguità tra realtà e finzione, REC, dall’inglese ‘record’, registrare, ci immerge subito in una notte, nel cuore di Barcellona, al seguito di una troupe televisiva impegnata a seguire ‘dal vero’ il lavoro di una squadra di pompieri. Angela, la giovane e scatenata conduttrice (Manuela Velasco, volto celebre di tanti reality spagnoli) è lì che si dimena per trovare qualcosa di interessante da filmare, comunque. Le interviste ai pompieri di turno, la cena nella mensa, le riprese della caserma, le banalità e il nulla a cui tanta tv del genere ci ha abituati. Poi suona ‘finalmente’ l’allarme e la squadra dei pompieri entra in azione: una donna è rimasta intrappolata nel suo appartamento. Via, allora, per le strade della città a sirene spiegate con la telecamera forsennatamente accesa, a registrare costantemente. Anche quando all’arrivo nel vecchio palazzo si capisce subito che c’è qualcosa di molto più grave. La donna intrappolata aggredisce e morde un poliziotto e da lì comincia l’incubo. Tra reminiscenze alla Romero ed esplicite citazioni dai suoi ‘morti viventi’ è tutto un susseguirsi di cadaveri che si rianimano, zombi che cannibalizzano gli inquilini e poliziotti che arrivano ad isolare l’intero palazzo ‘appestato’ da un misterioso virus. Mentre la telecamera ‘registra’, appestata anche lei, cannibale tra i cannibali, intenta a fagocitare immagini, a costo della vita dello stesso operatore. In uscita a novembre nelle sale italiane REC è nato, raccontano i suoi autori, non espressamente come film politico o di denuncia: «A noi interessava girare un horror, ma poi andando avanti ci siamo accorti che certi temi venivano fuori». L’informazione che manipola la realtà, per esempio. «Basta accendere la tv per rendersi conto dei conflitti etici e morali legati all’informazione che può divorare la realtà. Ecco, REC è nato per esorcizzare i fantasmi e le paure della società contemporanea». E pure tanta tv ‘da paura’.

GGabriella Gallozzi, L’Unità, 30 agosto 2007

 

È stato definito ‘il film che non ti aspetti’. E in effetti, nel suo piccolo, lo è. Da tempo il cinema horror non riusciva più a colpire proprio sul terreno che gli dovrebbe essere più congeniale, quello della paura. O perlomeno di una certa tensione, per non dire del recupero di quella funzione ‘perturbante’ che per molto tempo aveva contribuito a costruire nell’ambito del sistema dei generi. Un film che non ti aspetti anche scorrendo il curriculum dei due registi, Jaume Balagueró e Paco Plaza. Il primo, per restare agli ultimi titoli dei due, autore di Fragile, un horror ospedaliero con fantasmi inclusi, e il secondo autore di I delitti della luna piena, un thriller sul tema della licantropia, pellicole che, pur restando una spanna sopra la routine, non avevano particolarmente impressionato per originalità. In questo REC, invece, è come se i due autori avessero voluto ribaltare le conclusioni estetiche cui erano pervenuti con i loro ultimi lavori: niente sovrastruttura ma una storia secca, concitata, agghiacciante almeno fin quando la tensione riesce ad essere mantenuta alta. Anche a livello linguistico ci sembra che la pellicola colga nel segno: quello, cioè, di sposare il punto di vista della telecamera del cameraman della televisione, protagonista del film, facendolo coincidere con quello della macchina da presa e quindi, per traslazione, con l’occhio dello spettatore che si sente coinvolto in prima persona nell’azione. Non è certo un’operazione nuova, il recente Cloverfield adotta almeno in parte lo stesso procedimento, così come se ne era servito a suo tempo un film come The Blair Witch Project. Ma i due autori spagnoli hanno il pregio di utilizzare questo espediente non solo per stigmatizzare l’universo televisivo dei cosiddetti reality show ma, attraverso quello, di ragionare sui meccanismi della visione e dello sguardo. Non solo quindi un film di critica a un certo tipo di televisione verità che, pur di aumentare l’audience, arriva a filmare la morte in diretta, ma un’analisi dei meccanismi che, dato il tema del film potremmo definire ‘infettivi’, con cui quel certo tipo di morbosità cine-televisiva ha ormai contaminato la nostra visione. Non ultimo, come dicevamo, è finalmente un horror che fa veramente paura, che gioca, quasi sempre riuscendoci, sulla sorpresa e non esclusivamente sull’effettaccio, che prende lo spettatore in un meccanismo infernale e non lo molla fino alla fine.

AAndrea Frambrosi, L’Eco di Bergamo, 7 marzo 2008

 

Jaume Balagueró, nome di punta del nuovo horror spagnolo, regista di Nameless, Darkness e Fragile, sembrava ormai un pacco ai più. È allora una sorpresa scoprire in REC una prova di talento, forse debitrice al coautore Paco Plaza. Il film riprende, prima e meglio di Cloverfield, lo stile finto documentario di The Blair Witch Project e racconta il dilagare di un’epidemia alla 28 giorni dopo in una palazzina di Barcellona. Nell’edificio, chiusi da un cordone sanitario d’isolamento, si trovano, oltre agli inquilini, una squadra di pompieri, un poliziotto, una giornalista e un cameraman, artefice di tutte le riprese del film. Non manca la critica sociale, con i condomini razzisti pronti ad accusarsi l’un l’altro, alle istituzioni, brutali nella quarantena e ottuse nella figura del poliziotto, e ai media stessi: la reporter ottiene lo scoop che voleva… REC sta sotto i 90 minuti, il tratteggio dei caratteri è sintetico, ma sufficientemente incisivo, e le impennate di orrore, al principio improvvise, tendono a un crescendo claustrofobico. Forse si poteva fare a meno di una spiegazione finale, ma il sapore anticlericale e la chiusura spietata fanno perdonare l’unico momento un poco didascalico di un film davvero concitato e angosciante.

AAndrea Fornasiero, Film TV, marzo 2007


Home

Calendario delle proiezioni

Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation