Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 10 dicembre 2022 ..:: 45a stagione » sch4508 ::..   Login
Locandina del film
Trailer del film
Links del film

Sito del film (en)


Sito del film (fr)



Recensioni delle maggiori

testate giornalistiche,

di critici e opinionisti

(da Mymovies)

Scheda pdf ( 164 KB)
Juno - Scheda del film

cineforum45.jpg

in collaborazione con:


CINEMA SOCIALE – S.O.M.S. Società Operaia di Mutuo Soccorso Omegna

PIEMONTE AL CINEMA – IL CINEMA DIFFUSO
Promosso da Regione Piemonte, AIACE, AGIS


Giovedì 4 dicembre 2008 – Scheda n. 8 (766)



Juno

 

Regia: Jason Reitman. Titolo originale: Juno. Sceneggiatura: Diablo Cody. Fotografia: Eric Steelberg. Montaggio: Dana E. Glauberman. Musica: Mateo Messina, Kimya Dawson. Interpreti: Ellen Page (Juno MacGuff), Michael Cera (Paulie Bleeker), Jennifer Garner (Vanessa Loring), Jason Bateman (Mark Loring), Olivia Thirlby (Leah), J.K. Simmons (Mac MacGuff), Allison Janney (Bren), Rainn Wilson (Rollo). Produzione: Fox Searchlight Pictures, Mandate Pictures, Mr. Mudd. Distribuzione: 20th Century Fox. Durata: 92’. Origine: Usa, 2007.

 

Jason Reitman

 

Regista figlio d’arte. Il padre, Ivan Reitman, ha diretto film di successo come i due Ghostbusters e una bella commedia “politica”, come Dave – Presidente per un giorno. Il figlio Jason (1977, Montréal) arriva al cinema presto, già a dieci anni gira un corto, a tredici ha il ruolo di assistente di produzione e nel 1998 presenta al Sundance Film Festival il cortometraggio Operation, cui fanno seguito altri lavori, come H@ (1999), In God We Trust (2000), Gulp (2001) e Consent (2004). Nel 2006 esce il primo lungo, Thank you for smoking, candidato al Golden Globe per la miglior sceneggiatura non originale. Juno è il secondo film, premiato alla Festa di Roma, quattro nomination agli Oscar (e tante polemiche, innestate dall’ateo devotissimo Giuliano Ferrara, cui la battaglia pro-famiglia non deve aver fatto molto bene, visto che è del tutto scomparso dai tristi teatrini televisivi e mediatici…).

 

La critica

 

All’ultimo giorno il concorso [della Festa del Cinema di Roma] butta sulla tavola il suo jolly: Juno, disavventure tragicomiche di una sedicenne (Ellen Page) rimasta incinta al suo primo rapporto sessuale. Il film non è un capolavoro ma possiede quel sapiente equilibrio tra briosità e problematicità che sono perfetti per conquistare il gusto della giuria, oltre ad un’invidiabile fluidità narrativa. Diretto da Jason Reitman (il figlio del regista di Ghostbusters, che aveva già dimostrato di saperci fare con Thank You for Smoking) e scritto da Diablo Cody, Juno mescola la spregiudicatezza verbale dell’adolescente (chiamata Juno, cioè Giunone, dalla madre in onore alla passione per la mitologia) con una molto meno spregiudicata descrizione delle sue disavventure da futura mamma. Se è apprezzabile la leggerezza con cui la regia ci racconta i momenti cruciali di una ragazzina che non ne vuole sapere di diventare mamma (l’inevitabile immaturità del compagno di un pomeriggio di sesso, la visita al ‘disumano’ centro femminista pro-aborto, la confessione ai genitori, l’incontro con la coppia agiata che è disposta ad adottare il nascituro), è decisamente semplicistico il modo in cui è descritto un mondo dove praticamente non esistono tensioni e ogni problema si può risolvere con una battuta o una gag. Forse troppo anche per quello spirito da Sundance Institute che oggi va per la maggiore tra le nuove generazioni di cinefili e che qui domina incontrastato. Eppure è indubbio che il film di Reitman junior abbia incontestabili qualità, dalla capacità di scegliere volti simpaticamente appropriati (il papà di Juno J.K. Simmons, la mamma adottiva Jennifer Garner e soprattutto la protagonista, sbarazzina come una Zazie del Minnesota) all’intelligenza di chiudere il film con un compromesso accettabile tra mentalità conservatrice e spregiudicatezza giovanilista (che naturalmente non riveliamo). In mezzo non mancano divertenti annotazioni sui gusti delle generazioni più giovani, disposte a rimettere in discussione l’ammirazione per Dario Argento quando viene loro mostrato un film del maestro dello slasher Herschell Gordon Lewis, ma irremovibili nel difendere Iggy Pop e il rock degli anni '70 di fronte al ‘puro rumore’ che fanno i Sonic Youth.

PPaolo Mereghetti, Il Corriere della Sera, 27 ottobre 2007

 

Una commedia lieve e spiritosa, disegnata sullo schermo come la striscia di un fumetto, bene intonata alla grazia acerba della protagonista e scandita dal pungente tempismo dei dialoghi in stile giovanilistico-alternativo. Ciò detto, ci sembra alquanto strambo che Juno susciti tanto entusiasmo (vittoria alla Festa del cinema di Roma, Oscar alla migliore sceneggiatura) e nel contempo attizzi tante polemiche. Va bene che un rozzo prontuario critico potrebbe tramandarlo come ‘film sull’aborto’, ma a conti fatti Jason Reitman, figlio trentaduenne dell’Ivan autore di Ghostbusters e Dave –  Presidente per un giorno, è più che altro interessato alla dolcezza e spontaneità - ma anche spudoratezza ed energia - di un’adolescente americana d’oggi, in grado di fronteggiare problemi più grandi di lei, non omologarsi alla logica degli adulti e respingere vecchi e nuovi preconcetti. La sedicenne dall’insolito nome mitologico (interpretata dalla bravissima ancorché ventenne Ellen Page) è infatti una ragazzina qualunque, appena un po’ afflitta da una famiglia modernamente disgregata, che decide un bel giorno di perdere la verginità con un coetaneo bamboccione strampalato. Peccato che ‘l’esperimento’ si risolva in un’indesiderata gravidanza destinata a crearle una serie di buffi dilemmi... L’amata ovvero detestata carica eversiva del film starebbe proprio in questo snodo: la ragazzina da una parte non si fa assediare da angosce o sensi di colpa, ma dall’altra scarta decisamente la sbrigativa soluzione dell’aborto (anche per colpa del tanfo medicinale percepito nell’ambulatorio). Per la verità la fluidità e leggerezza della regia non ci sembrano meritevoli d’essere introdotte nel tritatutto mediatico; come ribadisce la bonaria piroetta del finale, Juno vuole e riesce a divertire grazie soprattutto alla simpatica cocciutaggine con la quale la protagonista riesce a restare estranea a tutto ciò che le accade attorno: comprese, di conseguenza, le polemiche nostrane tra spettatori/ultrà laici o devoti. Se c’è dunque un piano dietro al piacevole balletto di Juno, sta tutto nella penna dell’autrice del copione Diablo Cody (nome d’arte di Brook Busey-Hunt), trentenne ex spogliarellista passata al giornalismo e al cinema: un mix d’ingenuità e malizia, una competenza femminile non sclerotizzata dall’ideologia, un modo dignitoso d’assecondare il naturale anticonformismo degli under 18 e il tipico piglio indipendente, paradossale ed umoristico nel caratterizzare personaggi e situazioni.

VValerio Caprara, Il Mattino, 5 aprile 2008

 

Provocazione paradossale ed umoristica su un’adolescente che ama Dario Argento ed il regista gore Gordon Lewis, resta incinta e decide di far nascere il bambino scegliendo la coppia più adatta, Juno è una commedia giocata sul realistico contrasto tra maturità e immaturità, tra genitori e figli, in cui vince sempre la logica del ribaltamento ideale, l’incredulità dello stupore ed in cui la praticità travolge sterili apparenze, sorrisi di comodo, vuote fragilità. Stravagante e brillante come i fumetti underground americani ma ricco di intuizioni antropologiche, acute nello spiegare la trasformazione dei ruoli, il film, piccolo gioiello di creatività e scrittura, possiede un riuscito equilibrio tra leggerezza e problematicità, insicurezza e sapienza, incrociando la spregiudicata vitalità della protagonista e l’incapacità degli adulti a comprendere dubbi e incertezze nelle disavventure della futura madre. Jason Reitman si diverte a distruggere la morale e la salvezza delle coppie, ironizzando sulla libertà di scelta e di parola e adottando il fragile punto di vista della ragazza che infrange le deboli certezze di una vita confortevole e pianificata dalle illusioni. Con un cinema fresco ed immediato, istintivo ma razionale, simpatico e femminile, scherza sui rischi delle scelte pilotate da modelli genetici e registra la cruda concretezza delle conversazioni sul sesso tra donne. Il film conserva una struttura concentrica, con un tema centrale e piccole storie ed esistenze che si intrecciano come nelle strisce a fumetti di Robert Crumb, ma tratteggiate in chiaroscuro, senza cinismo e cattiveria, con il sincretismo di chi osserva da vicino lo zoo dei grandi senza riuscirne a comprendere azioni e comportamenti, in un piccolo mondo in cui non esistono tensioni e rancori, ma ogni contrasto è risolto con serena saggezza. Puntando tutto sulla leggerezza e la curiosità, l’autore si fida ciecamente delle rivelazioni rielaborate dalla sceneggiatrice premio Oscar Diablo Cody, confermando l’impenetrabilità dell’universo delle ragioni femminili, la secolare e stupida ottusità del maschio-padre-compagno, scegliendo la via del libero arbitrio, prendendo in giro la distanza tra periferia e quartieri alti, l’attitudine alla perfezione ed il sollievo apparente del consumismo post femminista. Trionfatore alla Festa del cinema di Roma, la pellicola conquista e diverte per lo spirito indipendente, che rilegge in maniera spregiudicata i modelli femminili indicati dalle commedie degli anni Sessanta, ma arricchiti dalle disillusioni di oggi, che distruggono ogni miraggio di eccellenza sottolineando gli egoismi e le finte rassicurazioni dei rapporti sentimentali. Juno è una favola sull’amicizia e la complicità, trascinata dalla magnifica protagonista Ellen Page, quasi la versione ottimista della disperazione cosmica delle storie di Terry Zwigoff, scritta con ritmo incalzante e senza pregiudizi sull’imprevedibilità del destino che stravolge piani e scelte segnate.

DDomenico Barone, Vivilcinema, febbraio 2008

Home

Calendario delle proiezioni

Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation